Ospiti 2021: Daniela Palumbo

Scrittrice e giornalista, ha cominciato a pubblicare libri per bambini nel 1998 con un testo sulla disabilità. Ha curato una collana di letteratura per ragazzi dal titolo «Mi Riguarda», per le Edizioni Paoline. Per Piemme ha pubblicato Le valigie di Auschwitz, con il quale ha vinto la nuova edizione 2010 del premio letterario Il Battello a Vapore, ed è uscito nel 2012 Il volo del Falco nel mio destino, con il quale vince nel 2013 il primo premio G. Arpino, nell’ambito del Salone del Libro per ragazzi di Bra. Tra gli altri suoi titoli, si ricordano: I sogni di Eleonora (con Zilovich Dario, Ed. Paoline, 2013), Re Fausto e la corona che pesava troppo (Piemme, 2014), A un passo dalle stelle (Giunti, 2016), Il cuore coraggioso di Irena (Mondadori Electa, 2016), A un passo da un mondo perfetto (Piemme 2019), Maria Montessori. La voce dei bambini (Einaudi Ragazzi, 2019). Come giornalista, lavora per la Cooperativa Oltre, emanazione editoriale della Caritas Ambrosiana e come redattrice lavora con il mensile «Scarp de’ tenis», storico giornale di strada nato da un progetto della stessa Caritas Ambrosiana, nel 1996. Il suo ultimo libro è Vogliamo la luna. Il futuro raccontato dalle ragazze e dai ragazzi, edito da Il Battello a Vapore.

Proprio a “Vogliamo la luna” sarà dedicato un incontro il 29 settembre, ore 9:00 presso Sala Lepori Iglesias, con gli alunni delle scuola primaria di secondo grado “Pietro Allori” di Iglesias.

Ospiti 2021: Daniele Mocci

Sceneggiatore, scrittore e copywriter.
È uno dei fondatori dell’Associazione Culturale Chine Vaganti. Dal 1998 tiene corsi di scrittura creativa nelle scuole.

Con il disegnatore Luca Usai ha creato numerose strisce umoristiche per testi scolastici e agende universitarie (Esselibri). Sempre con Usai ha dato vita alla strip Lo straniero senza nome (Fumo di China) e alle serie a fumetti Super Pro (Gaghi Editrice), oggi online sulla app eMooks, e Marcello e Sofia (Gaghi). E recentemente ha pubblicato il libro “Coda di castoro” edito da Mondadori.

Per il mercato francese ha scritto la bande dessinée Carrion (Clair de Lune).

Ha sceneggiato il libro a fumetti La principessa che amava i film horror e altre storie di principesse (Tunué), in nomination ai premi Gran Guinigi (Lucca Comics & Games) per le migliori storie brevi e Boscarato (Treviso Comics) per la miglior sceneggiatura.

Dal 2005 esercita anche la professione di copywriter e collabora con numerose agenzie di comunicazione (Milano, Roma, Cagliari).

È autore dello spettacolo teatrale La figlia dell’alcade, poi rivisitato in “chiave nuragica” con il titolo La figlia del guerriero.

Ha ideato alcuni storytelling games, come il gioco di ruolo Prima che sia troppo tardi (Life Res Maris) e la caccia al tesoro online The wheel of time (Milan Games Week).
Nel 2019 ha pubblicato il romanzo L’ultimo giorno di primavera (Condaghes).
Nel 2020 ha partecipato alla raccolta Cagliari 1970: tracce oltre la leggenda (Catartica), pubblicazione celebrativa dei 50 anni dallo scudetto degli Cagliari.
Nel 2021 esce il grandissimo successo per Mondadori Libri per Ragazzi: Coda di Castoro di cui cura la sceneggiatura. Le illustrazioni sono di Luca Usai.
Nel 2021 pubblica anche La memoria delle forbici una distopia ancora targata Condaghes.

In Fiera, a “Coda di Castoro” sarà dedicata un’intensa sessione di laboratori, all’interno dell’omonimo villaggio ricostruito presso S’Olivariu, Gonnesa, durante i quali Daniele Mocci incontrerà centinaia di bambini delle scuole primarie di Gonnesa, Portoscuso e Iglesias.

Ospiti 2021: Mario Boccia

Mario Boccia è un fotografo e giornalista specializzato in reportage sociali e di attualità internazionale. Non ama essere definito “fotoreporter di guerra”.

Da freelance collabora e pubblica articoli e fotografie con le maggiori testate giornalistiche italiane. In particolare è stato corrispondente e inviato de “il Manifesto” da Sarajevo, Belgrado, Pristina, Skopje, Dyarbakir e Baghdad.

Per quindici anni ha lavorato negli scenari di guerra o di alta tensione sociale in tutto il mondo (Europa, Africa, America Latina, Medio Oriente), sempre cercando di individuare segnali di speranza e di ricostruzione anche nelle situazioni piu’ disperate.

Le sue foto sono state utilizzate per promuovere campagne di solidarietà di varie ONG, organizzazioni no-profit, e Agenzie delle Nazioni Unite, come: UNHCR (ACNUR, Alto Commissariato delle Nazioni Unite per i Rifugiati), TERRE DES HOMMES, AMREF, LEGAMBIENTE, ACLI-IPSIA, ARCI-ARCS, INTERSOS e molti altri, compreso l’ICS (Consorzio Italiano di Solidarieta’, implementing partner dell UNHCR nei Balcani), un organizzazione con la quale collabora dalla sua fondazione, nel 1993.

Nel 2021 per Orecchio Acerbo Editore, pubblica “La fioraia di Sarajevo”, un libro per ricordare chi non volle piegarsi alle divisioni etniche e religiose. Una storia, delicata e struggente, di dignità e resistenza. Alla Fiera, incontrerà gli alunni delle scuole primarie di Gonnesa, Portoscuso e Iglesias proprio per raccontarla.

Ospiti2021: Stefano Lamorgese

Nato a Roma nel 1966. Maturità classica, laurea in Lettere a Roma con una tesi dedicata al teatro didattico della Compagnia di Gesù. Dal 1990 lavora come giornalista per la RAI. Ha insegnato presso le Università di Urbino, di Perugia e presso il dipartimento di studi storici dell’ateneo di Ferrara.

Oggi è redattore di Report/Rai3 e vice presidente dell’Associazione Amici di Roberto Morrione, organizzatore del Premio Roberto Morrione per il Giornalismo investigativo Under30.

Alla Fiera 2021 con Roberto Persia e Lorenzo Pirovano incontrerà gli alunni degli istituti Superiori di Iglesias, Carbonia e Oristano per raccontare il Premio Morrione e sarà protagonista della serata dedicata al giornalismo d’inchiesta di Sabato 02 ottobre alle ore 19:00 Teatro Electra Iglesias.

Ospiti 2021: Lorenzo Pirovano

Lorenzo Pirovano è impegnato nel giornalismo d’inchiesta e nell’educazione.

Si è occupato di sfruttamento del lavoro nella logistica (I camion degli altri, Premio Morrione 2014), traffico d’arte in America Latina (inchiesta transnazionale Memoria robada, Premio latinoamericano de periodismo de investigaciòn 2016), emigrazione italiana (Sulle rotaie dei tutiles, Premio Fuorirotta 2018), gig economy e ludizzazione del lavoro (Welcome to your gig, Premio Morrione 2018).

Ha lavorato dall’Italia, dalla Spagna, dall’America Latina e dalla Polonia pubblicando, tra gli altri, per il Gruppo Editoriale L’Espresso, La Naciòn, Altreconomia, Rainews24, Il Fatto Quotidiano, RCS Magazine, Il Manifesto, Radio Popolare, The Conversation.

È cresciuto a Mantova dove collabora con il Festivaletteratura. Ha contribuito a fondare un media transnazionale di comunità: ereb.eu. Ha un documentario nel cassetto: Sulle rotaie dei tutiles.

Alla Fiera 2021 con Stefano Lamorgese e Andrea Persia racconterà il Premio Morrione agli alunni degli Istituti Superiori di Cagliari, Oristano, Carbonia e incontrerà il pubblico sabato 02 ottobre alle ore 15:30 presso il Teatro Electra di Iglesias.